Periodico di Notizie Comunali e Culturali del Centro Occitano di Cultura "Detto Dalmastro" Edizione online

TURISMO 













Pagine in movimento
Il Castelmagno
POESIE
27 APRILE 1944
Don Enelio Franzoni
JACOU CHOT
TURISMO
Appelli e Solidarietà
L’OCCITANIA ESISTE

CIAO GIANNI
Webcam sulla
Conca di Chiappi
e alla Rocca Parvo
CHASTELMANH
Paìs Ousitan
Ousitanio que es acò’
(cos’è l’Occitania)
Ecomuseo e laboratorio
Etnografico permanente
di Narbona
ADOTTA UN NUMERO
DE LA VOUS


 

Turismo d’inverno a Castelmagno
Nel panorama delle attività di Castelmagno, va segnalato che la stagione 2008 inizia con una novità. Il nostro albergo La Font è stato praticamente sempre aperto. Dopo l’apertura per le vacanze di fine anno, Carmen ed Elena, avendo avuto una prenotazione per quasi tutti i fine settimana da parte di una agenzia francese che organizza escursioni intervallive sia con le racchette da neve che con gli sci da alpinismo. Così a circa metà inverno vediamo come è andata la loro stagione e se sono soddisfatte della decisione.
Carmen ci dice:” è il primo tentativo che facciamo di tener aperto anche durante la lunga stagione fredda. I risultati economici, non sono dei migliori perché le presenze non soddisfano ancora l’enorme spesa che dobbiamo sostenere per il riscaldamento”. Certo che poter disporre in paese di un hotel che offre camere e ristorazione è un vantaggio di cui non tutti i comuni possono vantarsi. Interviene Elena:” siamo contente di poter contribuire a tenere il paese vivo anche con la nostra apertura, certo che i sacrifici sono molti e non sempre sono ripagati”. Avere a Chiappi un albergo con circa 25 posti letto e non sfruttarlo sarebbe veramente un peccato. I dati che ci forniscono Elena e Carmen certamente sono poca cosa rispetto alla loro potenzialità ma sono sicuramente di buon auspicio.
Discorso a parte merita invece il problema del lavoro stagionale legato a queste attività e alla impossibilità dettata dalla legislazione attuale che non consente assunzioni mirate nei periodi di maggior presenza. L’estate 2007 è stata la stagione delle visite dell’Ispettorato del Lavoro e sappiamo quanto per alcuni nostri esercenti siano state pesanti le sanzioni che hanno dovuto patire. La montagna in generale ha bisogno di una legge più snella che consenta l’aiuto da parte dei familiari e assunzioni a tempo, mirate ai brevi periodi di intensa attività. Se non interverranno quindi delle modifiche legislative, non sarà possibile pensare a incrementare la nostra economia sia turistica che agricola. L’alta montagna come la nostra, ha bisogno di aiuto in tal senso. Il turismo è una grande risorsa che non può essere utilizzata appieno perché la legge non consente assunzioni a chiamata. Nel turismo in particolare gli esercenti debbono poter far fronte ai picchi di presenza con serenità, senza il rischio di incorrere in pesanti sanzioni che possono prevedere anche la chiusura.

Francesi sulle montagne di Chiappi
Sono circa un centinaio i francesi che sono stati sul Viridio, sul Viribianc e sul Tibert nei mesi di gennaio e febbraio. Alcuni con gli sci e altri a piedi con le racchette da neve, tutti accompagnati da guide alpine. La presenza è avvenuta nell’ambito degli attraversamenti intervallivi con le vicine valli Stura e Maira che da più tempo di noi ospitano in inverno gruppi di escursionisti d’oltralpe. La maggior parte delle presenze è dovuta all’agenzia turistica Visages, mentre altri piccoli gruppi sempre di cugini francesi sono stati in alta valle Grana o singolarmente o accompagnati da guide provenienti dalla Savoia. Tantissimi anche gli italiani che hanno però completato la gita “mordi e fuggi” in giornata senza fermarsi neanche per un caffè.


Copertina Dal Comun Dachapuiachabal Manifestazioni Chivaechiviene Rassegna stampa Proverbi Storie Lettere Archivio
 

LA VOUS DE CHASTELMANH
Redazione

P.za Caduti, 1 - 12020 Castelmagno (CN)
E-mail:
lavous_de_chastelmanh@hotmail.com