Periodico di Notizie Comunali e Culturali del Centro Occitano di Cultura "Detto Dalmastro" Edizione online

CIAO GIANNI 


CIAO GIANNI
Beppe Garnerone
Bruno Dal masso
Adriano Sevega
Natale Carlotto
Flavio Menardi Noguera
Beppe Garnerone
Sergio Belotti
Carlo Albertazzi
Daniele De Bortoli
Olga e Graziano
Giorgio Ariaudo
Juan, Lucia e decò Rita
CAPRAUNA
Alberto Burzio
Barba Bertu
Giorgio Amedeo
In redazione de La Vous
TORNA ALLA COPERTINA
 

Caro Gianni,
siamo qui oggi per l’ultimo saluto ad un amico speciale, nella nostra Castelmagno, così come tu avevi sempre desiderato.
La morte con la quale spesso avevi a che fare, infatti quanti sono stati i morti di cui hai dovuto scrivere, oggi parla di te. Coglie giovani e anziani, poveri o ricchi allo stesso modo, sempre improvvisamente. Per quanto uno sia preparato, la notizia che riguarda un amico è sempre terribile.
Lo sconforto che ci assale, specialmente per te, non è descrivibile. Ci prende dentro e un nodo alla gola ci ferma quasi il respiro. In questa casa che hai voluto con tutte le tue forze, ci siamo radunati per dirti quanto ti dobbiamo per esprimerti tutti i nostri sentimenti.
Sembra solo ieri, quando con la tua lambretta percorrevi le nostre brutte strade per salire quassù pieno di tanta voglia di fare, di tante cose da portarci.
Dopo tante traversie, nel 1970 ti abbiamo voluto nostro Sindaco e tu ci hai ripagato con tutta la tua capacità, la dedizione e la fantasia di cui eri capace. Tutti ti dobbiamo qualche cosa, tu per noi sei stato innanzi tutto maestro, maestro di vita. Avresti potuto scegliere un’altra valle, un altro paese e invece Castelmagno ti ha conquistato e da allora non ci hai lasciato più.
Noi ti abbiamo voluto bene, ma non tutti sempre hanno capito la tua capacità di amare il paese. Ricordo che alla tua provocatoria proposta di far soggiornare qui i mafiosi, per avere quei servizi di cui eravamo assolutamente carenti, proprio sulla piazza di Campomolino ti ritrovasti l’automobile imbrattata di vernice.
Quei castelmagnesi che così facendo ti avevano dimostrato la contrarietà alla tua provocazione, ti capirono solo più tardi, ma tu li perdonasti subito.
Tutto qui parla di te, del tuo lavoro e della tua dedizione. Le opere pubbliche che resisteranno nel tempo, la rete elettrica che ci ha resi più cittadini di questa nazione, la strada che per l’ultima volta fra poco percorreremo ancora al tuo fianco, i paravalanghe e poi tanto, tanto altro ancora.
Quello che ci resta di te, ognuno lo terrà nel suo cuore come un ricordo caro e prezioso, intimo, perché a ognuno di noi tu hai lasciato un ricordo personale particolare.
Hai meritato tanto nella tua vita, e avresti anche il diritto ad un’orazione funebre ben più incisiva e capace della mia. Ti chiedo scusa.
Noi che siamo stati tuoi amici, tuoi sostenitori, da oggi sentiamo un grande vuoto, perché non potremo più contare sul tuo sostegno, sul tuo appoggio morale, sulla tua esperienza che non ci facevi mai mancare.
Il paese oggi è orfano, orfano di un cittadino speciale, di un amico che sapeva sempre disinteressatamente scrivere dei suoi abitanti, dei problemi, e delle gioie che ci capitavano. Sulla Stampa non leggeremo più di noi perché la nostra voce, da oggi tace.
La nostra VOUS invece continuerà, perché vogliamo continuare il tuo lavoro, per dare ancora ai castelmagnesi e agli amici sparsi nel mondo le notizie di Castelmagno.
Il prossimo numero La Vous lo dedicherà tutto al tuo ricordo, alle tue opere e al ricordo dei tuoi amici. In questi anni hai solo seminato amore, e dalle pagine de La Vous alcuni tuoi estimatori ricorderanno quanto da te hanno avuto.
Cercheremo di far tesoro degli insegnamenti che abbiamo ricevuto, per continuare a lottare, e a sperare un futuro migliore per Castelmagno. Lotteremo anche per te, certi che porteremo avanti anche i tuoi desideri.
Una delle cose che amavi di più di questa terra erano i fiori, quelli nostri che crescono spontanei nei campi, nei pascoli e fra le rocce. Quando saliremo a porgerti un saluto, nel vasetto della tua tomba ne porteremo uno per testimoniarti che continui a restare nei nostri cuori.
A Rina, a Renata a Chiara a Francesco e ad Alessandro vadano i sentimenti delle nostre più sentite condoglianze, certi che Gianni resterà sempre anche con noi.

Beppe Garnerone


Copertina Dal Comun Dachapuiachabal Manifestazioni Chivaechiviene Rassegna stampa Proverbi Storie Lettere Archivio
 

LA VOUS DE CHASTELMANH
Redazione

P.za Caduti, 1 - 12020 Castelmagno (CN)
E-mail:
lavous_de_chastelmanh@hotmail.com